IN EVIDENZA

QUADERNI DI BOTANICA

Alberi e arbusti raccontano la storia del bosco tra realtà e fantasia

I parchi della Val di Cornia rappresentano un ampio patrimonio naturale compreso tra i comuni di San Vincenzo, Campiglia Marittima, Suvereto, Sassetta e Piombino.
Il paesaggio si presenta fortemente diversificato nell'arco di pochi chilometri: dal sistema dunale della costa, caratterizzato da macchia mediterranea e pinete, si passa al
tipico paesaggio rurale con olivi, cipressi e viti, fino ad arrivare ai castagni e alle querce del bosco montano.
Il progetto, destinato ai ragazzi della scuola Secondaria di I grado, degli istituti comprensivi di San Vincenzo, Campiglia Marittima e Suvereto, intende promuovere un'adeguata conoscenza delle piante e degli arbusti del territorio, considerati sia dal punto di vista scientifico sia come fonte di ispirazione creativa.
La realizzazione triennale del progetto prevede un lavoro di ricerca e di studio integrato tra docenti delle scuole, esperti di botanica, consulenti dei parchi e artisti.
L'attività didattica si svilupperà attraverso lezioni in aula e visite guidate nei Parchi di Montioni, Sterpaia, San Silvestro, Poggio Neri e Rimigliano.
Saranno individuate circa trenta piante che caratterizzano la zona e per ognuna di esse sarà redatta una scheda botanica contenente una sintetica descrizione della pianta e alcune indicazioni su coltivazione e impiego.
Saranno inoltre ricercati miti, leggende e storie dal mondo vegetale ispirate alla cultura locale o scaturite dalla fantasia dei ragazzi.
Gli obiettivi che si intendono ottenere con il presente progetto sono:
• Stimolare l'amore e il rispetto della natura da parte dei ragazzi, nonché favorire la conoscenza di sé stessi e degli altri;
• Creare uno strumento didattico significativo, di facile divulgazione e immediata comprensione, in cui coesistono linguaggio scientifico, poetico, immagini reali e disegni creativi. I “quaderni botanici” andranno ad integrare la parte mancante della collana, indirizzata alle scuole, pubblicata dalla Società Parchi della Val di Cornia.